Fruscio di streghe

Una notte di lettura in biblio.ludo.teca

“Capperi!! Ma non sarete mica streghe?!” esclama sbalordito Joe, il protagonista del libro Fruscio di streghe, di Anna Dale, che si ritrova catapultato chissà come in un covo inquietante, in mezzo a donne dai modi decisamente bizzarri, dove succedono le cose più incredibili…

E proprio un bel gruppo di streghe in carne e ossa, con tanto di stregone, ha intrattenuto il 27 gennaio e poi ancora il 17 febbraio 2012, i ragazzi e le ragazze di 4a e 5a classe che hanno aderito alla proposta di passare una notte di lettura in biblio.ludo.teca a Poschiavo. Un’intera notte a lume di torcia ad ascoltare qualche racconto, a frugare liberamente fra gli scaffali, a prendere confidenza con le svariate offerte della biblio.ludo.teca, a scegliere i libri che più ispiravano e, naturalmente, a leggere, leggere e leggere. A oltranza. Molto a oltranza!!

Il tema scelto per questo evento, le streghe appunto. Su di esso si è snocciolato il programma: accoglienza ai ragazzi alle 19.30 di sera, un breve gioco introduttivo, la visita guidata della biblio.ludo.teca, la presentazione di alcuni libri, un primo racconto e un primo momento di lettura libera a cui ne sono seguiti altri, intercalati da un’attività manuale in tema e da alcune sorprese. Prima fra tutte, uno spuntino stregato verso le 22.30 e una visita notturna in Casa Torre, che ha permesso di raccontare ai ragazzi un po’ di Storia: la storia di un capitolo poco edificante, ma reale, del passato della Valposchiavo, quello cioè della persecuzione e dello sterminio delle streghe. Circa 128 sono i processi documentati a Poschiavo fra il 1631 e il 1750. Ma fra il 14° e il 18° secolo pare siano state oltre 300 le donne accusate di stregoneria, torturate e date alle fiamme.
Vai alla galleria fotografica dell'evento


Di ritorno in biblio.ludo.teca, ancora lettura, qualche chiacchiera, poche ore di sonno nei sacchi a pelo fra pile di libri, cuscini, ragnetti penzoloni e lanterne, colazione tutti insieme alle 8 del mattino e poi a casa. A dormire!

Questa nuova proposta del gruppo attività della biblio.ludo.teca La sorgente ha riscosso un ottimo successo. Più del doppio delle adesioni previste (che ci ha indotti a sdoppiare la serata per poter accogliere tutti), riscontri entusiastici e la richiesta esplicita da parte dei partecipanti – che hanno saputo cogliere bene lo spirito dell’iniziativa e comportarsi adeguatamente – ci spronano a pensare di ripetere anche in futuro, periodicamente, l’esperienza appena vissuta. Un’esperienza diversa dal solito, che, nel suo piccolo, ha sicuramente contribuito ad avvicinare piacevolmente i ragazzi all’interessante mondo dei libri e ad alimentare almeno un po’ il piacere della lettura.